Alimentazione, Coldiretti: torna la dieta mediterranea

dieta-mediterranea-contro-il-diabeteTorna la dieta mediterranea. Negli anni più acuti della crisi economica c’era stato un netto calo nei consumi di frutta, verdura, olio di oliva, mentre il 2015 si è chiuso con un debole aumento dei consumi alimentari degli italiani – più 0,3% – che si orientano a privilegiare cibi salutari, con una maggiore consapevolezza del rapporto fra alimentazione e benessere. Torna in tavola la dieta mediterranea, con un aumento che va dal 4% negli acquisti di frutta al 17% per quelli di olio di oliva, mentre cresce la spesa anche per il pesce (+5%), per gli ortaggi freschi e per la pasta secca (+1%), in netta controtendenza rispetto agli anni della crisi.
Il dato è stato diffuso da Coldiretti sulla base di un primo bilancio sui consumi alimentari degli italiani nel 2015.
“Si tratta – sottolinea la Coldiretti – di una storica inversione di tendenza dopo anni di tagli progressivi che avevano portato il consumi dei prodotti base della dieta mediterranea su valori da minimo storico. E’ il caso della frutta con i consumi per persona che erano scesi a più di 130 chili all’anno che equivalgono a non più di 360 grammi al giorno rispetto ai 400 grammi consigliati dall’organizzazione mondiale della Sanità per una buona salute. Nel 2015 invece la spesa degli italiani per gli acquisti di frutta e verdura è tornata a risalire e rappresenta ora il 23 per cento del totale del budget destinato dalle famiglie all’alimentazione per un importo di 99,5 euro per famiglia al mese, la prima voce della spesa degli italiani”.
Un altro dato, in realtà evidenziato già da numerose ricerche, riguarda l’attenzione crescente nei confronti dei prodotti biologici, del km zero e delle denominazioni di origine: una “svolta green nel carrello”, dice Coldiretti, che parla di acquisti di prodotti biologici confezionati in aumento del 20%, di quindici milioni di persone che hanno scelto prodotti locali a chilometri zero e di due milioni di italiani che comprano regolarmente prodotti tipici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *