Alimentazione e salute, ottima riuscita!

Ottima riuscita del convegno promosso dalla Associazione volontari della Cooperativa Famiglie Lavoratori, che si è svolto sabato 17 febbraio all’Auditorium della BCC di Treviglio sul tema “Alimentazione e salute”. L’incontro, coordinato da Andrea Pavesi, si è aperto con la visione di uno spezzone tratto dal film “Il pranzo di Babette”, a ricordare che il cibo buono alimenta anche l’anima.

Dopo i saluti portati dal presidente della CFL Angelo Jamoletti, la dottoressa Valentina De Mori, nutrizionista presso l’ASST Bergamo Ovest, ha illustrato la comunicazione titolata “La salute… vien mangiando”, illustrando i principi della piramide comportamentale che prevede una regolare attività fisica quotidiana, bere 8 bicchieri di acqua al giorno, consumare verdure e frutta, pane, pasta, riso, carni e pesce nelle giuste proporzioni, secondo i criteri della dieta mediterranea.

Il dottor Antonio Bonaldi, presidente di Slow Medicine, ha svolto una relazione stimolante sul rapporto cibo e salute, con un accento critico sulle numerose diete proposte dal mercato. La stessa ricerca scientifica, che non è approdata a risultati certi ed univoci sulla bontà o nocività degli alimenti,  non di rado viene finanziata dai potentati economici del food globale a tutela dei propri prodotti. Le diete inoltre sono da sempre influenzate dagli orientamenti di tipo culturale, etico e religioso.

Il dottor Antonio Bossi, primario diabetologo all’Ospedale di Treviglio, ha prima descritto le 3 tipologie del diabete (insulino dipendente, mellito e in gravidanza), per poi mettere in evidenza i fattori di rischio: obesità, sedentarietà, dislipidemia, ipertensione, fumo. Il diabete va diagnosticato in tempo e curato perché la malattia è predisponente per patologie cardiovascolari, renali, oculari, ecc. L’alimentazione corretta e moderata associata ad una costante attività fisica è fondamentale nel controllo della malattia.

In conclusione si è trattato di un pomeriggio utile e redditivo di cittadinanza attiva impegnata nella crescita della consapevolezza sul rapporto cibo e salute.

Andrea Pavesi

SalvaSalva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *