Cavoletti di Bruxelles

Questo ortaggio è originario dell’omonima città belga. Conosciuto già dal 1200, ha la particolarità di essere coltivato prevalentemente in zone molto fredde. Per questo motivo è ritenuto un ortaggio squisitamente invernale. La caratteristica dei cavoletti di Bruxelles è quella di essere dei germogli, pertanto particolarmente ricchi di vitamine a e C. Sono presenti fosforo, zolfo e ferro. Per non disperdere le proprietà, è preferibile non cuocerli troppo a lungo. Quando li acquistate, controllate che il colore sia di un verde intenso e che le foglie siano ben chiuse, tali da ricordare un bocciolo di rosa. Potete congelarli dopo una breve lessatura e dopo averli ben asciugati.

GNOCCHI DI PATATE AI CAVOLETTI, SALVIA E PINOLI

Ingredienti per 4 persone

  • kg 1 di patate a pasta gialla
  • g 300 di cavoletti di Bruxelles
  • g 180 di fecola di patate
  • g 60 di burro
  • 1 uovo intero
  • 1 porro
  •  4 cucchiai di parmigiano
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 10 foglie di salvia
  • sale, pepe e noce moscata q.b.

Preparazione Tagliate le patate a cubetti e cuocetele al vapore. Schiacciatele e fatele raffreddare per qualche minuto. aggiungete l’uovo, la noce moscata ed il sale. Impastate aggiungendo la fecola di patate fino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo. Copritelo con un panno e lasciate riposare qualche minuto. Poi modellate dei rotolini, dai quali ricaverete delle piccole palline. Sistemate gli gnocchi separati su un vassoio. Per il condimento, sbollentate per circa un minuto in acqua salata i cavoletti, scolateli in acqua fredda e sfogliateli, separando le foglie dai cuori. Fondete la metà circa del burro e fatevi appassire il porro tagliato sottilmente. aggiungete i cavolini e fate ben insaporire per almeno 5 minuti. Fate fondere il burro restante in un altro tegamino, aggiungendo le foglie di salvia. Tostate i pinoli in padella. Lessate gli gnocchi e, dopo averli scolati, aggiungeteli ai cavoletti di Bruxelles, mescolandoli delicatamente. aggiungete a questo punto il burro con salvia, il parmigiano ed i pinoli tostati. Gli gnocchi sono pronti da servire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *