Lettera del presidente ai soci

Cari soci,
con grande soddisfazione vi comunico che siamo riusciti a chiudere dignitosamente il 2015. Il bilancio che vi presento registra un utile netto di € 19.061, pur con un calo di fatturato che si presentava pesante, soprattutto nei mesi di ottobre e novembre, ma che ha avuto una impennata nel mese di dicembre, dovuta soprattutto alla possibilità da parte dei soci di acquistare, nel periodo delle feste, prodotti di qualità garantita, con un buon rapporto qualità/prezzo.
Questo risultato è il frutto dell’impegno di tutte le componenti, che a vario titolo, costituiscono la realtà di CFL, che nel corso dell’anno hanno dimostrato fedeltà e motivazione al cambiamento.
Innanzitutto i soci che, continuando ad acquistare fedelmente nel nostro punto vendita, hanno mantenuto il fatturato, dimostrando la loro volontà di continuare ad esserci e a contare come consumatori consapevoli e, lasciando i loro risparmi in CFL, hanno continuato ad esprimere la loro fiducia e contribuito a mantenere parte della liquidità corrente.
I dipendenti, che nonostante i cambiamenti nella struttura dirigenziale, hanno dimostrato tutto il loro attaccamento alla CFL, dando la loro disponibilità a collaborare con il CdA, introducendo cambiamenti nel proprio lavoro, dimostrando la capacità di saper gestire, per la parte di loro competenza, l’andamento quotidiano del proprio settore, consentendo un contenimento delle spese per il personale direttivo.
Il CdA che, con scelte oculate e puntuali, ha permesso che gli sforzi di tutti i componenti della squadra portassero alla chiusura accettabile di un bilancio che, ad un certo punto dell’anno, sembrava compromesso.
Tutto questo ci deve spronare ad affrontare il futuro con ancora più grinta e determinazione.
Sembra ormai sicuro che a breve avremo nuovi competitori, molto vicini, (ex Foro boario) e per non soccombere la parola d’ordine è diversificarci. La grande distribuzione è un rullo compressore che non guarda in faccia a nessuno e non esita a proporci l’acquisto di prodotti che non sempre tutelano la nostra salute. Nel 2015 abbiamo assistito allo scandalo dell’olio di oliva, per dirne uno.
Non possiamo tornare indietro, ma continuare a garantire che tutto ciò che si trova nel nostro punto vendita è prima di tutto sano e genuino, prodotto senza danneggiare l’ambiente e nel rispetto di chi produce e lavora, si può fare, con l’impegno di tutti indistintamente. È un impegno importante se vogliamo che la nostra CFL continui innanzitutto ad esistere e in secondo luogo ad essere ciò che è stata fino ad oggi: un punto vendita che offre prodotti di qualità, un luogo di incontro di persone accomunate dalla voglia di nutrirsi in modo sano, di difendere il proprio potere di acquisto, di crescere culturalmente attraverso lo scambio di idee, il tutto per imparare o continuare a consumare meno e consumare meglio e, perché no, organizzare anche momenti conviviali.
Vi aspetto numerosi alle assemblee, momento indispensabile per la continuità della CFL, ma soprattutto aspetto suggerimenti e collaborazione
Angelo Jamoletti, presidente CFL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.