Lettera del Presidente ai soci

Come ogni anno, a febbraio, con le chiusure contabili in mano, si tirano le somme dell’andamento economico e finanziario dell’anno trascorso, insomma si fa il bilancio.

Noi CFL come d’abitudine, oltre al bilancio economico, presenteremo anche un bilancio sociale che contemporaneamente ai numeri illustra da dove sono usciti questi risultati e quali sono gli attori che li hanno prodotti.

Come è andata? È la prima domanda che ci si pone. Diciamo che anche quest’anno 2017 è andato bene. I numeri ci evidenziano un utile prima delle imposte pari a € 106.591,00; diciamo che per le nostre abitudini è anche consistente, ma per chiarezza e trasparenza voglio spendere qualche parola sulla provenienza di questo utile.

Una parte, pari a € 49.091,00 è data dalla gestione ordinaria della CFL: vendite meno acquisti, meno spese di gestione, meno interessi passivi, che dà il risultato della gestione. Un’altra parte pari a € 57.500,00 è data dal ripristino del valore della svalutazione “palazzina”. Tradotto in parole povere, nel 2014 con la palazzina ferma, senza possibilità di utilizzo e con la delibera del CdA di metterla in vendita, era assurdo continuare a mettere a bilancio una cifra che non corrispondeva al suo vero valore e quindi in seguito ad una perizia è stata svalutata.

Quest’anno la palazzina è stata ultimata in ogni sua parte e messa a reddito (con un contratto di affitto di sei + sei anni).

Le condizioni di valutazione sono perciò cambiate e continuare a mettere a bilancio un valore che non corrisponda alla nuova realtà è altrettanto assurdo. Confortati dal Codice civile, dai principi contabili e da una nuova perizia, il CdA con il consenso dei sindaci e del revisore ha deciso di ripristinare il valore della svalutazione della palazzina che nel 2014 era stata iscritta a bilancio.

A parte le considerazioni puramente tecniche, delle quali i soci devono essere informati, rimane comunque la constatazione che la gestione del punto vendita funziona e produce utili, ma anche l’investimento immobiliare comincia a dare i suoi frutti.

L’importante è non sedersi sugli allori, ma continuare con lo stesso spirito del 2017 anche nel 2018. Purtroppo, anche se i numeri dell’ISTAT e dei vari enti dicono che la ripresa è iniziata, la gente comune non la sente ancora, se non a livello di maggior fiducia nel futuro, ma preoccupa soprattutto che i numeri parlino di ripresa economica ma non di aumenti di posti di lavoro, di positivo c’è solo la diminuzione di ore di cassa integrazione straordinaria, che presume un rientro al proprio lavoro.

A parte queste considerazioni, rimane la soddisfazione di constatare che l’impegno costante di tutti i nostri collaboratori ha dato i suoi frutti, e a loro va il mio ringraziamento personale e di tutto il CdA.

Ringrazio i componenti del CdA per la collaborazione ed il sostegno che mi hanno dato al momento di prendere decisioni importanti e nella gestione quotidiana.

Ringrazio le tre Signore che compongono la compagine sindacale della CFL per il controllo attento e puntuale e sui consigli che propongono per consentire al CdA una gestione corretta della nostra Cooperativa.

Ai soci volontari, che durante l’anno hanno gestito le attività che altrimenti non avremmo potuto gestire, va un ringraziamento particolare.

Non posso dimenticare tutti i soci che nello scorso anno sono stati chiamati a miglior vita, a loro un ricordo e una preghiera.

Infine a tutti i soci che con i loro acquisti danno la possibilità di continuare la nostra bella esperienza di consumatori responsabili, un complimento, un ringraziamento ed un invito a continuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.