Libera: “Le mani delle mafie sul territorio bergamasco”

Il Presidio di Libera della Bassa Pianura Bergamasca, intitolato ai Testimoni di Giustizia, torna a presentarsi sul territorio con una importante terna di appuntamenti di informazione dal titolo “Le mani delle mafie sul territorio bergamasco”.

I tre eventi, così possiamo definirli data l’importanza dei relatori che hanno voluto aderire all’invito, sono stati organizzati in collaborazione con altrettante associazioni della bassa bergamasca, con ciò volendo anche dimostrare la possibilità, e anzi la necessità , di confluenza delle diverse anime del variegato mondo associativo attorno al tema del contrasto continuo alle mafie, anche attraverso la perseverante informazione alla cittadinanza.

Le tre serate, sempre alle 20.45, proporranno un percorso che prender il via il prossimo 8 ottobre 2014 a Caravaggio presso l’Oratorio di Vicolo San Carlo, mostrando ed evidenziando come le mani delle mafie si siano estese in lombardia e nella bergamasca (relazioneranno Sandro RAIMONDI, Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica di Brescia, assieme a Nicola FORESTI, referente del Coordinamento Provinciale di Libera sulla presenza mafiosa in bergamasca, provocati nella discussione da Armando DI LANDRO, giornalista del Corriere della Sera).

Dell’ingerenza mafiosa negli affari legati all’ambiente si parler nell’incontro del 24 ottobre in Treviglio, presso l’auditorium della biblioteca civica, in L.go Marinai d’Italia (relazionerà Sergio CANNAVO’, avvocato ambientalista di Legambiente Lombardia).

Concluderemo il 14 novembre in Treviglio, sempre presso l’auditorium della biblioteca civica, con il testimoniare la lunga mano delle mafie sugli affari legati all’alimentazione (relazioner Daniele BUTTIGNOL, segretario nazionale di Slowfood).

Tre ambientazioni quindi diverse, ma tutte accomunate dalla trasversalità del cancro della presenza mafiosa.

Il locale Presidio di Libera, in collaborazione con Amici di Libera di Caravaggio, con il Circolo Bassa Bergamasca di LEGAMBIENTE e SLOWFOOD Bassa Bergamasca e con il patrocinio dei comuni di Treviglio e di Caravaggio nonché con quello della BCC di Treviglio e della BCC di Caravaggio invita quindi tutta la cittadinanza a partecipare a questi incontri sicura di proporre momenti di seria informazione con la certezza che anche attraverso la consapevolezza di come agiscono le mafie attorno a noi, si possa fare fronte comune contro un nemico così pericoloso per il ben-essere della nostra societ e così subdolo nel suo agire e nel cercare di mascherarsi nella normale quotidianit del lavoro e degli affari.

Ricordiamo infine che in occasione delle tre serate saranno a disposizione del pubblico, per l’acquisto, i prodotti di Libera Terra, delizie alimentari e vini ottenuti da terreni strappati alle mafie e recuperati, attraverso un lungo e paziente lavoro di coltivazione biologica, dalle cooperative che gestiscono le terre confiscate alle mafie e dagli agricoltori che ne condividono il progetto di riscatto.

In allegato: locandina Le Mani delle Mafie sulla Bergamasca

Per il Presidio di Libera della Bassa Pianura Bergamasca “Testimoni di giustizia”

Sergio Limonta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *