Natività 2.0

Oltre a Gesù Bambino nascono ogni giorno in Italia molti bambine e bambini… sempre meno, dicono le statistiche, ma abbastanza per riempire le culle dei reparti di pediatria degli ospedali bergamaschi e decisamente sufficienti per colmare i cuori di mamme, papà, parenti e cari. Con l’arrivo di un neonato la vita di ogni mamma e di ogni papà viene trasformata radicalmente: la felicità per l’arrivo di un figlio o figlia viene messa alla prova da ritmi mai provati prima, degni di un rave party: risvegli a tutte le ore e da compiti nuovi e delicati a cui nulla ti ha preparata prima. Alla faccia delle reclam patinate con mamme bellissime, truccate, pettinate e che di borse sotto gli occhi hanno quelle di Prada.

Questa rubrica vuol essere uno scorcio sulla vita di una neomamma trevigliese socia di CFL, alle prese con pappe, pannolini, rigurgiti, coliche e ardue scelte tra troppi prodotti per neonati e poche idee confuse per fare ciò che è meglio per l’amata progenie.

Partiamo quindi con il latte in polvere, croce e delizia di tutte le mamme che per varie ragioni devono seguire l’allattamento misto o artificiale per il loro pupillo/a. La scelta è ardua e al momento delle dimissioni dall’ospedale ci è stato consigliato un certo tipo di latte in polvere o liquido, utilizzato in ospedale al momento della nascita. Ma in ospedale il latte non viene scelto per merito o qualità ma cambia continuamente, in base alle forniture, ed eccoci dunque di fronte al mare magnum delle varie marche. In preda al dubbio risulta illuminante un’indagine di Altroconsumo sul latte in polvere: tra tutti gli esaminati, in cui figurano le marche più famose e più care vendute anche in farmacia, il primo classificato per qualità, digeribilità e minor presenza di ingredienti nocivi è anche quello con il prezzo più equo: il latte Crescendo Coop! Una bella scoperta che conferma ancora una volta la filosofia di COOP e CFL, ovvero proporre prodotti di alta qualità ad un prezzo accessibile.

Adesso scusate, ma sento piangere… corro a preparare il biberon!

SalvaSalva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *