Proposte di gite dolci

01-lombardia-in-biciclettaPROPOSTE DI VACANZA
Con l’arrivo della primavera si ha una gran voglia di uscire (vedi l’affluenza alla festa dell’asparago in cascina Pelesa). Per chi volesse avventurarsi in “passeggiate” un po’ più lunghe abbiamo trovato questi consigli sul mensile Terra Nuova di aprile in vendita in CFL.

IN BICI LUNGO IL PO IN LOMBARDIA TRA CITTA’ E CAMPAGNA
In Lombardia esistono oggi 5 itinerari ciclabili che seguono il corso del Po, collegando fra loro le provincie di Pavia, Cremona, Lodi e Mantova. Tappe brevi e poco faticose, che lasciano ai visitatori il tempo di esplorare i territori attraversati, scoprire alcune fra le principali città lombarde e godere della pace della natura. La prima parte dell’itinerario inizia in Emilia e collega fra loro Piacenza e Cremona, due graziose città che meritano entrambe una visita per i loro centri storici di origine medievale. Lungo questo primo tratto è possibile ammirare il Castello di Maccastorna, una fortificazione risalente al XII secolo.
Il sentiero continua poi attraverso il Parco della golena del Po, caratterizzato dalla presenza di numerosi specchi d’acqua e di una vegetazione rigogliosa, formata da salici, ontani e olmi, fino a raggiungere Casalmaggiore . Da qui si procede in direzione del Parco dell’Oglio sud, attraversando alcuni deliziosi borghi come Viadana, Pomponesco Dosolo e Cizzolo (Mn), nei pressi dei quali si trovano diversi saliceti. La quarta tappa della ciclovia collega l’Oglio con alcuni borghi di particolare interesse, come Governolo (Mn), che ospita delle chiuse risalenti al 1200, e Ostiglia (Mn).
L’ultimo tratto del percorso continua fino alla provincia di Ferrara, procedendo tra oasi naturalistiche di grande rilievo, come la Palude di Ostiglia e la Riserva di isola Borromeo, un vasto bosco spontaneo che ospita al suo interno tutti gli ambienti tipici dek Po e attira diverse specie di uccelli, tra cui il nibbio, il falco pescatore e l’airone. Questo territorio presenta anche un notevole valore storico, data la sua antica appartenenza alle terre di Matilde di Canossa, oggi testimoniata dai resti di diverse fortificazioni”.

Da Terra Nuova di aprile – maggiori info su www.lecicloviedelpo.movimentolento.it

Invitiamo i soci e le socie amanti di gite in bici a mandare suggerimenti e consigli. Valgono anche le gite giornaliere o visite a città vicine ricche di interesse (da preferirsi alle domeniche nei centri commerciali !!!!).

A cura di Margherita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *