Relazione sulla gestione

Cari soci,

l’esercizio chiude con un risultato positivo prima delle imposte di € 106.591,38 e di € 94.781,38 dopo le imposte. L’esercizio precedente riportava un risultato positivo ante imposte di € 33.362,19 e di € 17.181,19 dopo le imposte.

La nostra società cooperativa svolge la propria attività senza fini di speculazione privata, e quindi senza scopo di lucro, prevalentemente a favore dei soci, nel settore della distribuzione organizzata, attraverso un punto vendita nel quale vende prodotti alimentari e non.

Ai sensi dell’art. 2428 del Codice civile si segnala che l’attività viene svolta presso la sede legale di Treviglio (BG), viale Piave 43.

Andamento della gestione

Il risultato della gestione tiene conto del ripristino del valore della svalutazione della palazzina (€ 57.500) di viale XXIV Maggio 26 effettuata nell’anno 2014. La palazzina è stata acquistata nel 2012 per diventare sede delle attività sociali di CFL e nel novembre di quest’anno, dopo essere stata ultimata, è stata ceduta in affitto alla Cooperativa sociale Fili intrecciati FA società cooperativa sociale, come servizio residenziale per minori. Questo evento ha reso possibile il ripristino del valore della svalutazione.

Il ripristino del valore della svalutazione è stato fatto in osservanza dell’art. 2426 CC e del principio contabile OIC n. 29, come meglio definito nella Nota integrativa.

La palazzina è stata affittata con un contratto di sei anni, rinnovabili per altri sei, ad un canone annuo di € 33.000.

Purtroppo anche per quest’anno non possiamo dire che ci sia stata una vera e propria ripresa economica o meglio, i numeri mostrano una ripresa del PIL e un miglioramento in termini di riduzione della disoccupazione ed aumento della produzione, ma non hanno ancora avuto un diretto beneficio sull’economia delle famiglie e sui loro consumi.

La dinamica dei redditi delle famiglie è caratterizzata dalla bassa crescita dei salari e dalla lieve ripresa dell’inflazione, i consumi si stanno sempre più orientando verso l’acquisto di beni tecnologici e c’è sempre più un’attenzione alla qualità del cibo e della vita, privilegiando i viaggi, gli sport, la cosmesi e tutto ciò che è salute o/e salutistico.

In questo scenario la CFL nel febbraio 2017 ha approvata la modifica dello statuto per adeguarsi alle nuova normativa e alle nuove esigenze sia commerciali che partecipative della cooperazione.

In particolare le modifiche hanno riguardato:

  • modifica della denominazione “Cooperativa sociale e di consumo”. Con la nuova legislazione “il sociale” ed “il consumo” insieme non possono coesistere. CFL è tornata alla sua vecchia denominazione “Cooperativa Famiglie Lavoratori, società cooperativa”. Con questo CFL non intende rinunciare alla sua natura profondamente sociale, le attività di tipo sociale da sempre svolte continuano grazie alla costituzione della “Associazione dei volontari di CFL”, all’interno della quale prestano la loro opera tutti i volontari che a qualsiasi titolo, compreso il ruolo di amministratore, intendono sostenere le attività sociali di CFL;
  • l’abolizione delle assemblee parziali. Nate come garanzia di una partecipazione aperta a tutti, negli anni hanno visto ridurre la partecipazione dei soci e, nonostante con varie modifiche apportate al regolamento, si sia cercato di ridurne il numero, la partecipazione ha raggiunto un numero tale per il quale non valeva la pena di continuare a consumare energie e tempo per garantirla. L’assemblea straordinaria del 12 febbraio 2017 ha deliberato di modificare lo statuto e di prevedere una sola assemblea, sia che sia ordinaria, sia che sia straordinaria;
  • apertura anche ai non soci. Altro punto di di­scussione all’interno del nuovo statuto è stato quello di scegliere se continuare ad essere una cooperativa “chiusa”, cioè accessibile a soli soci, o una cooperativa “aperta”, cioè dare la possibilità a tutti di usufruire dei suoi servizi. Il motto “Consumare meno, consumare meglio”, faro che ci guida nelle nostre scelte di consumatori consapevoli, etici e solidali, abbiamo deciso di condividerlo anche con coloro che non vogliono impegnarsi economicamente con l’acquisto della quota sociale ma non per questo non apprezzano il nostro modo di consumare, salvaguardando la mutualità prevalente e la figura dei soci a cui sono riservate iniziative commerciali e non. Visto l’andamento del 2017 possiamo affermare che la scelta è stata positiva, la CFL ha mantenuto la mutualità prevalente e ci sono state anche nuove iscrizioni dei soci;
  • introduzione e regolamentazione della figura del “socio sovventore”. Socio che intende partecipare attivamente allo sviluppo economico di CFL, acquistando quote sociali privilegiate, finalizzate ad un particolare investimento economico. È una figura ormai presente in molte cooperative e anche nella nostra, però mancava la parte che la regolamentasse in modo specifico.

Dal punto di vista commerciale, è continuata la “Missione risparmio”, composta da iniziative commerciali che hanno come obiettivo quello ridurre il costo della spesa al socio. La “Missione risparmio” è costituita da campagne promozionali a cadenza quindicinale su un paniere di prodotti definiti e dalla distribuzione settimanale di coupon che danno diritto, ai soci che frequentano il punto vendita, di utilizzare gli sconti.

Chi entra in CFL riconosce l’Angolo della convenienza, allestito all’entrata del punto vendita, dove sono posizionati i prodotti aderenti a questa campagna promozionale.

È stata riproposta l’iniziativa “Raccogli il risparmio”, una raccolta di bollini che dà diritto ai soci, una volta completata la tessera, di godere di uno sconto. Questa iniziativa è stata proposta nel periodo pasquale, natalizio e in autunno. L’iniziativa, cominciata l’anno passato, ha avuto un buona risposta dai soci che hanno potuto usufruire di sconti aggiuntivi e hanno vista premiata la loro fedeltà in CFL.

Dal punto di vista organizzativo, c’è da dire che i soci di CFL, che non sono abituati a regole ferree, dopo un rodaggio iniziale e qualche lamentela, si sono adeguati. L’iniziativa è stata riproposta anche con la possibilità di utilizzare lo sconto del 20% a cartella ultimata o del 10% al raggiungimento di uno step intermedio.

È stato attivato il pagamento tramite satispay, un’applicazione scaricabile dal telefono che permette di pagare la spesa nei negozi convenzionati.

Sono continuate le attività promozionali dei fornitori non SAIT, in particolare nel 2017 sono stati introdotti:

  • nuovi prodotti biologici, per rimanere al passo con l’evoluzione del settore, girando lo sconto dato dal fornitore direttamente al socio (es. estrusi, cracker proteici, pasta proteica, nuovi tipi di tisane, prodotti di pasticceria);
  • verdure biologiche precotte al vapore e pronte all’uso;
  • ampliato assortimento pesce semifresco;
  • nuovi prodotti dal mondo della cooperazione sociale, come i biscotti “Dolci sogni liberi”, prodotti dal laboratorio di pasticceria del carcere di via Gleno a Bergamo;
  • nuovi prodotti a km zero e filiera corta;
  • le tradizionali chiacchiere nel periodo di carnevale;
  • Formaggi di Bossico: prodotti da latte di vacca alimentata per il 70% da fieno degli alpeggi;
  • Caprini di Edolo: prodotti con il latte di capre che pascolano libere, si alimentano in modo naturale e sono munte a mano.

Sono inoltre continuate le iniziative commerciali intraprese l’anno precedente, che cercano di caratterizzare sempre più l’offerta di CFL rispetto a quella generalista degli altri punti vendita:

  • carne a km zero: il socio la può trovare in CFL a cadenza quindicinale. Questa carne è garanzia di qualità e chi l’acquista può stare sicuro. La carne infatti è fornita direttamente dalle stalle del nostro territorio scelte tra quelle che allevano ancora in modo tradizionale con alimenti prodotti direttamente in azienda.
  • prodotti freschi della gastronomia che spaziano dai formaggi ai salumi sia a km zero che alle particolarità regionali;
  • prodotti biologici che proponiamo con offerte mirate a durata mensile/trimestrale;
  • prodotti salutistici e per chi ha particolari intolleranze che completano la spesa delle famiglie che si trovano a dover affrontare questi problemi;
  • prodotti AltroMercato, di cui disponiamo una profondità di assortimento quasi introvabile se non nei negozi specializzati. Siamo rimasti l’unico punto vendita nella bassa bergamasca di questi prodotti.

La Cooperativa ha tra i suoi valori fondanti il rispetto dell’ambiente e l’uso delle risorse. In questa direzione si inserisce l’investimento fatto quest’anno di sostituire tutti corpi illuminati presenti nel punto vendita e nei locali illuminati da CFL con lampade a LED.

Le nuove lampade, oltre ad avere un minor impatto ambientale, ci hanno anche permesso di risparmiare circa il 20–25% del consumo e di conseguenza diminuire il costo della bolletta mensile.

La riduzione del consumo è stata inoltre favorita anche dallo spegnimento dei corpi illuminanti durante la pausa pranzo.

In linea con la politica di risparmio energetico sono state cambiate le vasche espositive dei prodotti in offerta e del pesce che si trovano di fronte al banco della gastronomia.

Da non dimenticare il rifacimento del display di alcune corsie per migliorare la visibilità, facilitare la presa dei prodotti da parte dei soci e diminuire i tempi di caricamento degli scaffali.

CFL ha continuato, anche se non in modo costante, l’attività di rete verso associazioni ed enti del territorio con cui si condividono valori e percorsi. Questa collaborazione ci ha permesso di conoscere la cooperativa con cui abbiamo concluso il contratto di affitto della palazzina.

Nel 2017, grazie anche alla neonata associazione dei volontari di CFL, è ripresa la vecchia abitudine di organizzare la gita dei soci di CFL.

Vista la buona riuscita della prima, a grande richiesta se ne è organizzata anche una seconda in autunno. L’iniziativa continuerà nel 2018.

Indicatori commerciali

Di seguito alcuni dati indicativi dell’andamento commerciale.

Andamento del fatturato (netto IVA)

 

2015

2016

2017

Punto vendita

4.038.661

3.818.563

3.797.900

Libri

106.470

64.728

72.923

Corsi di lingue

0

0

619

Il fatturato del punto vendita (ad esclusione di libri e corsi di lingue) segna una riduzione dello 0,54% su base annua.

Da settembre la variazione progressiva si è attestata intorno a –0,7%, per poi chiudere con i buoni risultati del mese di novembre e dicembre, che hanno permesso il raggiungimento del risultato annuo del –0,54%.

Discorso a parte deve essere fatto per l’andamento del fatturato dei libri.

La scelta della Regione Lombardia di lasciare liberi i genitori di scegliere i librai dove rifornirsi di libri da acquistare con le cedole librarie, se all’inizio ha lasciato le famiglie spaesate, il passaparola e una pubblicità mirata a far conoscere che la CFL continua da sempre a garantire questo servizio tutto l’anno, ci ha portato ai risultati che abbiamo ottenuto (+12,6%).

Nel 2017 è continuato il ritiro dei libri usati. L’iniziativa, apprezzata dai soci, ha movimentato 105 libri. Confidiamo in un suo sviluppo in futuro.

I ricavi relativi ai corsi di lingua sono riferiti al corso di lingua russa che è iniziato a novembre 2017 e terminerà a giugno 2018, su richiesta di un gruppo di soci.

Andamento vendite per reparto

 

 

2015

2016

2017

Alimentari a scaffale

1.229.253

1.210.499

1.198.512

Macelleria

464.037

399.533

400.467

Ortofrutta

381.963

379.389

393.375

Latticini

404.131

402.649

406.540

Gastronomia

656.037

614.448

613.918

Extra alimentare

79.761

72.710

71.829

Surgelati

111.421

112.786

116.473

Pescheria

14.520

19.432

29.195

Biologico

697.638

605.752

565.010

Combustibili (pellet)

0

1.365

3.197

Nel dettaglio, la percentuale di variazione del fatturato dei reparti rispetto all’anno precedente.

 

2015

2016

variazione

2017

variazione

Alimentari a scaffale

1.229.253

1.210.499

–1,4%

1.198.512

–1,0%

Macelleria

464.037

399.533

–13,9%

400.467

+0,2%

Ortofrutta

381.963

379.389

–0,6%

393.375

+3,7%

Latticini

404.131

402.649

–0,4%

406.540

+1,0%

Gastronomia

656.037

614.448

–6,3%

613.918

–0,1%

Extra alimentare

79.761

72.710

–8,8%

71.829

–1,2%

Surgelati

111.421

112.786

+1,2%

116.473

+3,3%

Pescheria

14.520

19.432

+33,8%

29.195

+50,2%

Biologico

697.638

605.752

–13,2%

565.010

–6,7%

Combustibili (pellet)

0

1.365

+100,0%

3.197

+134,2%

L’analisi delle variazioni percentuali del 2017, in contrapposizione con l’andamento percentuale del 2016, dimostra che lo scelta fatta dal CdA nel 2017 di dare stabilità al personale per garantire un miglior servizio al socio in termini di maggior presenza sui banchi serviti e migliore esposizione della merce sugli scaffali, ha fatto sì che i reparti che l’anno scorso hanno sofferto un maggior calo di fatturato in percentuale (Macelleria, Extra alimentare e Gastronomia) hanno raggiunto buoni risultati nell’anno corrente.

Discorso più articolato deve essere fatto per il reparto biologico che, rispetto all’anno precedente, ha dimezzato lo scostamento passando dal –13,2% al –6,7%. Nel biologico sono comprese le vendite dei prodotti viviVerde (biologico a marchio Coop).

Il risultato del biologico è da considerarsi comunque positivo in relazione alla situazione generale del settore, che ha visto una riduzione delle vendite nei negozi specializzati a favore delle vendite della grande distribuzione e dei discount.

L’assortimento di prodotti biologici che CFL propone (e va ben oltre il prodotto a marchio viviVerde), unita all’attenzione che hanno tutti i dipendenti a consigliare il socio che vuole accostarsi al biologico per il suo acquisto, ancora una volta fa la differenza.

Risultato economico

Di seguito viene esposto il risultato della gestione caratteristica, così come si legge nel bilancio (€ 147.487) e riclassificata al netto del ripristino del valore della svalutazione della palazzina.

 

2015

2016

2017

Risultato della gestione caratteristica

82.102 91.760 147.486

Al netto rivalutazione della palazzina

82.102 91.760 89.986

Il risultato (€ 89.987) inferiore all’anno passato (€ 91.760), che è comunque in linea con l’andamento del triennio, deve essere letto in relazione all’andamento del margine, che è leggermente diminuito nel 2017 a favore di una maggior riduzione del prezzo di vendita a vantaggio del socio.

Questo dato ci permette, al netto della situazione legata agli oneri finanziari, di valutare la redditività del punto vendita.

 

2015

2016

2017

Margine (% sulle vendite)

23,2 24,0 23,6

Situazione del personale

Nel 2017 si sono avute le dimissioni volontarie di un dipendente a tempo pieno; un’assenza per malattia prolungata e due astensioni per maternità.

Il dipendente che si è dimesso è stato sostituito con un’assunzione a tempo determinato, le sostituzione di maternità sono state gestite con la ricerca di figure professionali adeguate, inserite con contratto a termine di sostituzione di maternità.

Di seguito viene evidenziato l’andamento del costo del personale nel triennio.

2015

2016

2017

Personale dipendente

447.218

487.759

523.362

Collaborazioni

45.643

9.588

644

Totale

522.861

497.347

524.006

Come già esposto sopra, il costo è aumentato in funzione della scelta fatta dal CdA di garantire maggior servizio al socio, che ha dato i risultati analizzati prima.

Informazioni di rilievo e prospettive inizio 2018

Dal punto di vista commerciale nel 2018 continueranno la “Missione risparmio” e le iniziative commerciali e promozionali iniziate nel 2017, compresa l’iniziativa “Raccogli il risparmio”.

Per i prodotti non forniti da SAIT, vista la concorrenza sempre più agguerrita, siamo partiti con offerte mirate per prodotti che ruoteranno mensilmente.

Al momento dell’approvazione del bilancio i dati disponibili relativi al fatturato per il 2018 sono il mese di gennaio e febbraio. Questi primi mesi dell’anno registrano un andamento del fatturato in linea rispetto al 2017.

Riguardo alla situazione finanziaria, nel 2017 — nonostante il perdurare della crisi — la richiesta di rimborso del prestito sociale da parte dei soci è diminuita ed abbiamo registrato una ripresa nell’apertura di nuovi libretti.

Riguardo alla comunicazione, è volontà di CFL di continuare la campagna stampa a forte impatto valoriale sui principali giornali locali, per sottolineare la vitalità della Cooperativa, riaffermare i valori identitari e comunicare con forza l’attualità e la distintività di CFL. Prosegue inoltre l’informazione capillare su offerte, servizi e attività di CFL nel punto vendita, sulla stampa locale, sul sito e sulla pagina Facebook della Cooperativa.

A febbraio 2018 è iniziata ufficialmente l’attività dell’Associazione volontari di CFL con l’organizzazione del convegno su “Alimentazione e salute” che, opportunamente divulgato, ha registrato un ottimo risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *