Treviglio, capitale dell’editoria indipendente

Treviglio capitale dell’editoria indipendente Progetto ambizioso ma possibile, così la pensano le organizzatrici di TreviglioLibri, un gruppo di donne che hanno in comune la passione per l’editoria, i libri, la cultura e l’amicizia. Solo con quella hanno potuto reggere all’impietosa falce della crisi che ha travolto e tagliato interi settori economici, tra cui l’editoria, e in particolare i piccoli editori, soprattutto indipendenti, a maggior ragione quelli che necessitano di più visibilità, sostegno e fiducia da parte dei lettori. Su questo ha scommesso l’Associazione Fare Anima, da sempre impegnata nella promozione della cultura che in collaborazione con la Zephyro Edizioni, organizza per il secondo anno consecutivo TreviglioLibri, la “Maratona trevigliese dell’editoria indipendente” che animerà, è il caso di dire, i portici di via Matteotti a Treviglio nelle giornate del 13 e 14 settembre, con la presenza di molti editori che, più numerosi dello scorso anno, offriranno alla popolazione i loro cataloghi, incontri con autori, con un calendario ricco di eventi. Ce n’è per tutti, grandi e piccoli lettori, amanti del noir, della storia, dei romanzi, dei saggi, di filosofia, esoterismo, psicoanalisi e una grande varietà di libri per bambini.

TreviglioLibri intende sostenere quella che è stata definita bibliodiversità, che si esprime nella libertà editoriale contro la standardizzazione dei contenuti e l’impoverimento delle identità culturali. La bibliodiversità rappresenta la ricetta per uscire dalla crisi: la specificità degli argomenti, la ricerca di nuovi talenti e l’offerta di realtà editoriali molto variegate che non si trovano comunemente nelle librerie, perché non seguono i classici canoni del business. Inoltre la possibilità di conoscere autori, disegnatori, poeti italiani che per i più risultano essere sconosciuti, ma che rappresentano la vera ricchezza della realtà italiana e non. Pertanto un’opportunità da non perdere, non solo per Treviglio, ma per tutti gli appassionati del libro.

Il libro testimonia lo sviluppo della conoscenza, il libro apre la strada alla curiosità, agli interrogativi, al senso critico, all’immaginazione, alla creatività. Il libro affina la sensibilità, lo spirito di osservazione, la capacità di ascolto, di stare con gli altri e con se stessi. Riappacifica la mente, consente il sostare nell’esperienza, dilatando il tempo troppo incalzante nei suoi ritmi quotidiani.

Il libro è veicolo non solo di elevazione intellettuale ma soprattutto morale.

Qualcuno sostiene che presto il libro sarà soppiantato da altri strumenti, più rapidi, di più facile consultazione, quali l’e-book. Sono funzioni diverse quelle della praticità e quella dell’esperienza. Il libro continuerà a vivere, se anche noi lo sosteniamo. È questa la scommessa su cui puntano le organizzatrici della manifestazione, oltre che far diventare Treviglio un polo di riferimento culturale dell’area bergamasca per dar visibilità alla piccola e media editoria indipendente.

L’evento è patrocinato dal Comune di Treviglio, dalla Pro Loco, dalla BCC e da varie realtà locali tra cui la CFL e con il contributo della Fondazione Cassa Rurale. Oltre alle presentazioni, agli incontri, ai reading, ci sarà il saluto del Sindaco agli editori e aperitivi offerti ai partecipanti dalle pasticcerie Panarari e Riva Paolo. Vi aspettiamo!

[Claudia Regrenzi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *