2022 L’ANNO CHE VERRÀ

Prendo spunto dalla canzone di un famoso cantautore per fare alcune riflessioni sull’arrivo del nuovo anno. Per distrarsi un po’, manda una lettera a questo suo grande amico che è passato oltre, per informarlo che “l’anno è finito ormai ma qualcosa ancora qui non va”. Ma la televisione ha detto che con l’anno nuovo cambierà tutto: “sarà tre volte Natale e festa tutto l’anno, Cristo scenderà dalla croce…”. A parte che Cristo è già sceso dalla croce, ma tre volte Natale e festa tutto l’anno, mi sembra un po’ esagerato, però questa speranza gli serve per sopportare il dolore, ma soprattutto per non perdere la speranza che il mondo può migliorare. 

Ormai chi mi legge sa che sono ottimista di natura, però sono anche del parere che, come dicevo tempi addietro la buona stella ti aiuta se tu gli dai una mano. 

Nel 2022 la CFL compie 50 anni, chi come me l’ha vista nascere si ricorda anche che i “gufi” puntualmente dicevano “sarà il solito fuoco di carta, fra qualche anno non ci sarà più niente”. Intanto però facciamo il cinquantesimo. 

Se siamo arrivati a 50 anni, vuol dire che la base su cui si è fondata CFL era una base robusta, non solo come idee, ricordiamoci il motto “CONSUMARE MENO CONSUMARE MEGLIO”, ma basata sulle persone non sui capitali. 

Ricordiamoci che CFL non è una SRL dove un gruppo di persone ha investito dei capitali per trarne vantaggi economici, ma è una “COOPERATIVA DI CONSUMO” dove il capitale è dei singoli soci che hanno la tessera. Gli immobili, le attrezzature e tutto quello che c’è a bilancio nello stato patrimoniale, non è di qualcuno, ma di ogni singolo possessore della tessera. 

Tutto questo preambolo serve per dire che la CFL compie 50 anni perché persone di ogni ceto sociale, con il volontariato e con la fedeltà negli acquisti ci hanno portato fino qua. 

Quest’anno, oltre a compiere 50 anni dobbiamo rinnovare il “CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE” cioè quell’organo che a norma di statuto deve governare la CFL rispettando le indicazioni dell’assemblea dei soci, che è l’organo sovrano della Cooperativa. 

È una scadenza importantissima, sicuramente la più importante per il 2022, perché sappiamo tutti che la concorrenza è spietata, perché loro hanno gli azionisti che devono portare a casa il dividendo, noi vogliamo solo dare continuità ad una bella esperienza e continuare a garantire lo stipendio a 25 famiglie che di questi tempi non è poco. Se siamo ancora convinti che CFL deve continuare ad esistere, chi ha tempo e magari anche qualche esperienza da mettere a disposizione è il benvenuto. 

Buon anno a tutti e accontentiamoci di un solo Natale e qualche festa durante l’anno che di questi tempi è già molto. 

Angelo Jamoletti 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.