L’assemblea del 26 ottobre

Venerdì 26 ottobre nella nostra sede di viale Piave, 43 a Treviglio, nella sala consiglio intitolata a Maria e Fausto Ferrari, si è svolto il consueto incontro di autunno tra il Consiglio di amministrazione e i soci della nostra Cooperativa.

Quest’anno però non era un semplice incontro, ma una vera e propria “assemblea generale ordinaria”.

L’unico punto all’ordine del giorno era l’adeguamento del regolamento del prestito sociale alle nuove norme emanate dalla Banca d’Italia. Niente di travolgente, semplicemente acquisire nel nostro regolamento la norma che prevede che il rimborso del prestito non può avvenire immediatamente, ma non prima delle 24 ore. Variazione di poco conto, ma sufficiente per non farci passare la revisione biennale.

Con l’occasione il CdA ha riscritto il regolamento, prendendo gli spunti da un testo proposto dallo studio del dott. Lazzari, che è il revisore che ci è stato mandato da Confcooperative per conto del Ministero.

Esaurita la parte burocratica si è proseguito con la parte meno formale ma non per questo meno importante, cioè l’andamento della nostra CFL.

Innanzitutto si è comunicato ufficialmente ai soci che non siamo interessati ad aprire un negozio al Foro boario, come ci era stato proposto da Coop. Le motivazioni sono principalmente economiche, affitto fuori mercato e l’impegno economico per finire i locali che ci sarebbero stati consegnati non finiti. Se dobbiamo investire dei soldi per i locali, li investiamo in casa nostra. Siamo comunque consapevoli che Coop potrebbe aprire in quell’area un negozio alimentare suo. Se avverrà saremo pronti a prendere le decisioni del caso.

Gli investimenti fatti sull’arredo e sulla attrezzatura del punto vendita sono sotto gli occhi di tutti. Ora il nostro punto vendita si presenta molto meglio, ma soprattutto la sua gestione è più economica. I nuovi frigoriferi di ultima generazione, con il risparmio energetico, sicuramente ci aiuteranno a far fronte all’investimento effettuato.

L’andamento del fatturato del 2018, pur se altalenante, si sta tenendo in linea con il budget, nonostante la spesa media del socio sia diminuita, non solo per la diminuzione dei consumi, ma anche per le offerte che ormai in modo continuativo la nostra Cooperativa propone ai soci.

L’argomento di confronto finale, ma non per questo meno importante, è il rinnovo del CdA che andrà alla sua scadenza naturale a maggio del 2019 in occasione della assemblea di approvazione del bilancio 2018. Come ormai da qualche anno manca la disponibilità dei soci a prendersi la responsabilità della conduzione della nostra Cooperativa. Lo ammetto per esperienza, stare nel CdA, qualche pensiero ogni tanto te lo mette in testa, ma vi garantisco che non solo ti aiutano a tenere viva la mente, ma ti danno anche tante soddisfazioni. Tutti i soci quando entrano nel punto vendita e vedono delle novità, e quest’anno non ce ne siamo fatte mancare, sono contenti nel vedere la propria Cooperativa che si rinnova, che cresce, che affronta le sfide della concorrenza, che reinveste l’utile assieme al prestito sociale. Pensate ora l’orgoglio e la soddisfazione di chi oltre a vedere questa evoluzione ne è anche colui che le propone e le realizza. Tutto questo per dire che occorrono persone che si propongono per comporre la lista dei consiglieri che saranno eletti dalla prossima assemblea.

Ringrazio ancora chi ha partecipato e i volontari che in qualche modo ne hanno permesso l’organizzazione e lo svolgimento.


I soci che hanno aderito al prestito sociale sono invitati a ritirare presso gli uffici della Cooperativa il nuovo regolamento che è stato approvato nella assemblea ordinaria dei soci del 26 ottobre 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.