DAL 3 LUGLIO BANDO ALLA PLASTICA MONOUSO

Se non un ulteriore rinvio, quanto meno un compromesso appare possibile. Entro il 3 luglio il Governo italiano è chiamato ad approvare il decreto legislativo di recepimento della direttiva europea SUP (Single use plastic), adottata due anni fa con l’obiettivo di combattere l’inquinamento derivante dalla dispersione nell’ambiente degli oggetti di plastica nell’ambiente. Per Bruxelles si tratta di un passo storico nella lotta all’inquinamento dei mari, visto che l’80% dei rifiuti marini è costituito da materiali plastici. 

Da qui la decisione di mettere al bando prodotti monouso come bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande, aste per palloncini, ma anche tazze, contenitori per alimenti e bevande in polistirene espanso, per i quali esistono sul mercato alternative economicamente accessibili che non sono di plastica. 

Per altri articoli come attrezzi da pesca, sacchetti, bottiglie, contenitori per bevande e alimenti in polistirene, confezioni e involucri, filtri per tabacco, articoli sanitari e salviette umidificate, si applicheranno invece misure diverse, come la riduzione del loro consumo, schemi di etichettatura e responsabilità estesa del produttore secondo il principio “chi inquina paga”. 

Per l’Italia, che è il primo produttore di plastica in Europa, questo vorrebbe dire un impatto non secondario a livello industriale e occupazionale. «Le linee guida sulla direttiva chiudono di fatto un intero settore industriale», ha scritto su Twitter il presidente Carlo Bonomi. Da qui i tentativi di mediazione in atto, che potrebbero portare all’adozione di criteri attenuati. Intanto, occorre ricordare come gli oggetti confezionati prima dell’entrata in vigore della direttiva potranno restare sugli scaffali, fino allo smaltimento delle scorte. 

Luigi dell’Olio 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.