RECENSIONI DI FEBBRAIO


Edith Bruck
LETTERE ALLA MADRE 
La Nave di Teseo, 2022, collana “Oceani”, pag. 128 € 16,00 (al socio € 15,20) disponibile in formato EPUB a € 9,99 

 

  

Nel 1988 la scrittrice, sopravvissuta ai campi di sterminio nazista, scriveva le Lettere alla madre: un lungo dialogo con la madre, morta subito all’arrivo ad Auschwitz dove erano arrivate insieme — Edith ragazzina di 14 anni strappata forzatamente da un soldato tedesco dalle braccia della madre e convogliata verso la fila “giusta”, quella della sopravvivenza, mentre la madre veniva indirizzata con tutti gli altri direttamente verso la camera a gas — da quel momento Edith non la rivedrà più. 

La figura materna viene fatta rivivere attraverso queste lettere, un dialogo postumo con cui l’autrice cerca di ricucire, ritrovare, un legame spezzato e interrotto in modo brutale, senza che la bambina che era ne avesse piena consapevolezza in quel momento. Non c’era tempo e modo, lì in quel luogo e in quell’istante, per poter ragionare, ricordare, riflettere, capire cosa stava succedendo o anche solo rievocare la figura materna, a cui Edith si era disperatamente aggrappata perché non voleva lasciarla, opponendo resistenza a quel soldato tedesco che l’aveva strattonata e spinta col calcio del fucile nella “altra” fila: la mamma scomparsa da un momento all’altro e mai più rivista. 

Rivolgendosi nelle Lettere alla madre — ebrea ungherese ortodossa, profondamente religiosa e tradizionalista, — l’autrice cerca di ritornare alla sua esistenza dopo la Shoah, interrogandosi sul suo ruolo di testimone e indagando contemporaneamente su come affronterebbe oggi il suo dialogo con Dio. Significative le parole con cui l’autrice si rivolge alla madre scomparsa: “Se lo vuoi sapere, tu sei più viva per me da quando sei morta. Finché c’eri era normale che tu ci fossi, nei Lager la fame annullava la memoria, il pericolo, la paura divoravano ogni energia, ogni attenzione”. 

Edith Bruck, di origine ungherese, è nata nel 1931 in una povera e numerosa famiglia ebrea; nel 1944, viene rinchiusa nel ghetto del capoluogo e di lì successivamente deportata ad Auschwitz, Dachau, Bergen–Belsen. Sopravvissuta alla deportazione, dopo anni di pellegrinaggio (tra cui un tentativo di tornare al proprio villaggio natale insieme alla sorella, da cui viene scacciata a forza dai contadini del luogo che la minacciano con i forconi, indesiderata presenza in quanto prova vivente delle persecuzioni razziali ivi avvenute), si è trasferita definitivamente in Italia, adottandone la lingua; vive a Roma. Ha ricevuto diversi premi letterari ed è stata tradotta in più lingue, testimone d’eccezione degli eventi raccontati in prima persona. 

 

Peter Sis
NICKY & VERA Storia di un eroe discreto della Shoah e dei 669 bambini che salvò 

Rizzoli, 2021, pag. 64, illustrato, rilegato € 18,00 (al socio € 17,10) 

  

Ecco un libro che si rivolge ai bambini per raccontare la memoria e la Shoah; e lo fa anche attraverso i bellissimi colorati disegni di Peter Sis. 

La storia è quella di Nicholas Winton, banchiere inglese poliglotta, così abile nella scherma da giocare nella nazionale inglese. Nel 1938 si reca in Cecoslovacchia: venuto a conoscenza di ciò che stava accadendo, lavorando giorno e notte da una camera di albergo, raccolse centinaia di nomi e fotografie di bambini da portare in salvo, procurandosi il denaro e trovando famiglie disposte ad accoglierli in Inghilterra; organizzò lui stesso tutti i viaggi, procurando ai bambini documenti ufficiali o contraffatti: in questo modo durante la primavera e l’estate del 1939 riuscì a far fuggire quasi 700 bambini, soprattutto ebrei, a bordo di otto treni diretti a Londra. Vera, la bambina del titolo, è una di quei bambini: “Un giorno la mamma di Vera venne a sapere di un inglese che aiutava i bambini cecoslovacchi a fuggire dal Paese per salvarsi dai Tedeschi”: per la bambina sarà l’inizio di un viaggio che la porterà in salvo in Inghilterra insieme ad altri 669 bambini. 

Allo scoppio della guerra, con la chiusura definitiva dei confini, Nicholas nascose tutte le carte non parlando della vicenda più a nessuno. Sarà sua moglie Greta a trovarne per caso le storie mentre riordinava vecchie carte; Nicholas in quell’occasione dirà: “Non sono stato un eroe. Non ho corso pericoli, a differenza dei veri eroi. Ho solo visto quello che andava fatto”. 

Il libro è stato finalista al Jane Addams Children’s Book Award del 2022; è stato considerato dal New York Times Best Children’s Book del 2021, dal Washington Post Best Book del 2021, dalla Kirkus Reviews Best Children’s Book del 2021 e dall’ Horn Book Fanfare Best Book del 2021. 

LETTURA CONSIGLIATA A PARTIRE DAGLI 8 ANNI 

Geraldine Teubner
ALGHE – Proprietà nutritive e benefici per la salute. Con gustose ricette 

Il punto d’Incontro, 2014, collana “Salute e benessere”, pag. 127, illustrato € 6,90 (al socio € 6,55) disponibile in formato EPUB a € 3,99 

  

Altamente proteiche e quasi prive di calorie, le alghe sono considerate una delle migliori fonti di vitamina C, D, E, vitamine del gruppo B, calcio, ferro, magnesio, fosforo, sodio, potassio, rame, zinco, oligoelementi, aminoacidi ed enzimi. Non tutti però le sanno utilizzare in cucina: eppure sono considerate tra gli alimenti più benefici per il nostro corpo, infatti permettono di rafforzare le difese immunitarie, aiutano a riequilibrare le funzioni dell’organismo e lo disintossicano. 

Tra le tante e diverse tipologie di alghe troviamo le nori, arame, kombu, wakame, clorella, spirulina e klamath; l’autrice ce le descrive con schede chiare e dettagliate, spiegandoci come non solo costituiscano un ottimo aiuto per la salute, ma possano diventare anche un prezioso ingrediente per arricchire con originalità molteplici e svariate ricette, aggiungendo un tocco in più, con il loro sapore particolare e delizioso, anche alle pietanze più semplici e meno elaborate. 

Susanna Isern Gómez
DANIELA LA PIRATA
Editore NUBEOCHO – Settembre 2018
€ 16.60 ai soci € 15.77 (-5% di sconto)
Età di lettura dai 3 anni

Daniela sogna di diventare una pirata del Caimano Nero, la nave più famosa dei sette mari. Daniela dovrà superare le dure prove del Capitano Orecchiomozzato e affrontare una ciurma di pirati maschilisti. Riuscirà a diventare una pirata?

Età di lettura: da 9 anni 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.