Assemblea straordinaria per la fusione

Venerdì 2 ottobre presso la sala dell’oratorio di Badalasco (frazione di Fara Gera d’Adda) si terranno le due assemblee straordinarie delle due cooperative, Cooperativa Famiglie Lavoratori — la nostra CFL — e la cooperativa ACLI San Luigi, per ratificare e concludere la fusione delle due cooperative.

Alle ore 18 si terrà l’assemblea dei soci della cooperativa S. Luigi e alle 19 l’assemblea dei soci della nostra CFL. Le due assemblee straordinarie si svolgeranno alla presenza del notaio Fabrizio Pavoni che farà le funzioni di segretario, leggendo per intero l’atto di fusione, a suo tempo approvato dai due consigli di amministrazione, per poi sottoporlo all’approvazione dei soci presenti, con votazione palese, e alla firma dei rispettivi presidenti. Il testo approvato verrà reso pubblico dal notaio per 60 giorni, per dare la possibilità a chi ne avesse intenzione di fare delle osservazioni. Passati i 60 giorni senza che nessuno abbia obiezioni, i due presidenti si recheranno nello studio del notaio per apporre l’ultima firma, con la quale si chiuderà definitivamente l’iter burocratico della fusione.

La cooperativa ACLI San Luigi, fondata nel 1950, come tutte le cooperative di allora nasce per facilitare gli acquisti di sementi e attrezzature agricole, senza sottostare al “monopolio” dei commercianti di allora. Nel 1952, con uno sforzo economico notevole, i soci decidono di acquistare l’area, per poi costruire la stabile, lo stesso che esiste adesso, per dare vita fisicamente a una sede e un luogo dove poter svolgere l’attività per cui la cooperativa era nata, ampliando l’attività anche ai prodotti alimentari. In seguito sono avvenuti dei cambiamenti sia nella gestione che nello sviluppo dell’immobile che non sto a descrivere, fino ad arrivare alla situazione attuale con il negozio alimentare gestito direttamente dalla cooperativa, e una parte adiacente adibita a bar, affittata.

Lo scopo sociale della cooperativa, di essere centro di aggregazione della comunità e nello stesso tempo prestare un servizio mantenendo vivo il negozio alimentare, senza costringere gli abitanti ad uscire tutte le volte che hanno bisogno di fare la spesa o di bere un caffè, viene mantenuto, ma purtroppo spesso gli scopi sociali non vanno di pari passo con la gestione economica. Ne sappiamo qualche cosa anche noi di CFL.

Per continuare a mantenere il servizio alla popolazione, il CdA della San Luigi prende contatti con CFL, e dopo aver sentito anche il parere di Confcooperative Bergamo si inizia la trattativa per arrivare all’unione delle 2 cooperative, cosa non facile dal punto di vista burocratico. Trattandosi di cooperative, però, con l’aiuto sempre di Confcooperative, si inizia un percorso che ci ha portato alla condizione di poter effettuare la fusione. Nel frattempo, per non interrompere il servizio alla comunità, dal 1° gennaio 2020, il negozio di alimentari è gestito da CFL con la formula di “affitto di ramo di azienda”, che comporta la continuità della gestione del negozio, prendendosi in carico gli stessi dipendenti.

Questa operazione ha anche un risvolto economico da parte di CFL, ma pur essendo importante, ha fatto comunque decidere al CdA di CFL, confortato anche dal parere dei soci in assemblea, di procedere in questa direzione, e cioè continuare nello scopo per cui siamo nati, non solo educare al consumo ma anche fornire un servizio alle comunità che lo richiedono e dare la possibilità ai soci della cooperativa San Luigi di continuare ad essere parte integrante della cooperativa che svolge un servizio sul loro territorio.

Anche se potrebbe essere una assemblea noiosa, sono a pregare tutti i soci di partecipare per sostenere le decisioni del CdA ma anche per conoscere personalmente le persone che dal giorno dopo saranno nostri soci. Vi attendo numerosi!

Angelo Jamoletti
presidente CFL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.