Recensioni di febbraio

Donna Jeanne Haraway
Chthulucene.
Sopravvivere su un pianeta infetto
Ediz. Produzioni Nero, 2019, pag.283, € 20,00

Il titolo del libro fa riferimento a un mondo, il nostro, ormai compromesso dal punto di vista ecologico-ambientale, dove gli esseri viventi devono arrangiarsi per la sopravvivenza, coesistendo con le rovine appartenenti al passato. “Chthulucene” è il nome di un altro luogo e un altro tempo che prevede poteri e processi terreni non più esclusivamente umani –non antropocentrici-, in contrapposizione al presente di antropocene, capitalocene e piantagionocene. Nel titolo italiano viene sottolineato il messaggio di speranza per un futuro diverso, messaggio che troviamo anche nel testo, che propone un transito tra questo mondo danneggiato e uno in cui il danno trovi una guarigione; ciò è reso possibile dall’unione di tutte le creature terrestri, con la creazione di una nuova socialità -come un’alleanza-, tra organismi inter- e intra-specie, al di là di tempo e spazio, genere e sesso, tecnologia e immaginazione. Il viaggio del libro ci fa transitare dal mondo naturale a quello fantastico e simbolico: Chthulucene è il mondo del ragno, con il riferimento al Pimoa Chutlu, un aracnide californiano la cui ragnatela richiama fili e stringhe, sentieri e casualità; dalla ragnatela si passa ai tentacoli degli invertebrati: polpi, calamari, totani e meduse, e alla simbiosi animale e vegetale del corallo; il tentacolo è anche immagine ricorrente nel libro. Concludono il volume le Fabule speculative, che mostrano creature dei secoli futuri: immerse in un humus multispecie, organismi composti, intergenetici e intersessuali, esseri che sono frutto di una congiunzione biogenetica di umani con animali/non umani –come ad esempio le farfalle monarca. Nell’edizione originale sono presenti tre capitoli in più, che sono stati esclusi nell’edizione italiana. Donna Haraway, nata a Denver nel 1944, è tra le più importanti e originali pensatrici del nostro tempo; filosofa e caposcuola del pensiero femminista dei gender studies, ha definito l’identità contemporanea attraverso la «teoria del cyborg» come forma ibrida di organico e tecnologico. Tra i suoi scritti: Manifesto cyborg: donne, tecnologie e biopolitiche del corpo (1995); How like a leaf (1999); The companion species manifesto: dogs, people, and significant otherness (2003); When species meet  (2008).


Gianluca Mech
Il metodo tisanoreica
Ediz. Tecniche Nuove, collana “Le guide di Natura e salute”, 2009, pag. 128, € 9,90

La tisanoreica si fonda su due paradossi: non esistono i cibi che fanno dimagrire; per innescare il processo che consenta di “bruciare” i propri grassi la dieta deve essere “squilibrata”: cioè deve garantire il fabbisogno dell’organismo in proteine, vitamine, minerali e fibre, riducendo fortemente glucidi e lipidi. Per ottenere questo obiettivo, accanto agli alimenti tradizionali, come verdure e alimenti proteici poveri di grassi, l’autore ci propone l’utilizzo delle pietanze tisanoreiche, a base di aminoacidi “puri”, ma con i sapori degli alimenti comuni. Il libro ci spiega quindi come realizzare piatti gradevoli e gustosi, senza dover rinunciare al gusto degli alimenti; oltre alla spiegazione del metodo, il volume presenta anche capitoli sull’esercizio fisico e numerose ricette per rendere la dieta più appetitosa. Gianluca Mech è divulgatore scientifico e docente al Master in Medicine Naturali presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata; ha creato il Centro Studi Tisanoreica e il Mech Lab presso l’Università di Padova per sviluppare il metodo di dimagrimento Tisanoreica, finalizzato alla perdita del peso e al suo mantenimento nel post-dieta.


Adelmo Cervi, Giovanni Zucca
Io che conosco il tuo cuore 
ediz. Piemme, 2014, collana “Piemme voci”, pag. 433, € 16,90

Adelmo Cervi è figlio di Aldo, il terzo dei sette fratelli Cervi, partigiani combattenti, fucilati dai fascisti a Reggio Emilia il 28 dicembre 1943; oggi settantasettenne, aveva allora quattro mesi. Nel libro racconta la storia di Aldo e di tutta la famiglia; agli estremi della vicenda, due fotografie: la prima, degli anni trenta, mostra una grande famiglia riunita; sette fratelli, tutti con il vestito buono, insieme alle sorelle e ai genitori. La seconda, scattata dopo la fucilazione dei sette fratelli da parte dei fascisti, mostra solo vedove e bambini –miseria, debiti, ma anche le maldicenze della gente, ad accompagnarli tra le durezze degli anni che attraversano. Adelmo, che da cinque anni porta il libro nelle scuole e nei luoghi in cui viene invitato, racconta: “Il libro l’ha scritto per me Giovanni Zucca. Io dopo la quinta elementare sono andato a lavorare nei campi. Fra gli anni ’50 e ’60 nessuno della famiglia Cervi ha potuto studiare. Non mi lamento, mi ritengo fortunato rispetto a chi non aveva una famiglia di eroi ma ha pagato lo stesso…Mio padre oggi direbbe: abbiamo conquistato la democrazia e non la sappiamo usare…ma prima di prendercela con gli altri, dobbiamo dirci che abbiamo delegato troppo. Dobbiamo partecipare”.


Il mangiafrutta. Tutta la frutta e la verdura del mercato italiano
Ediz. Mondadori, 2008, collana “Illustrati. Gastronomia, pag. 124, illustrato, €  35,00

Più di 20 varietà di mele, agrumi, frutta esotica, insalate, tuberi orientali e angurie, erbe aromatiche, frutta secca e molto altro: vengono illustrate con fotografie tutte le tipologie di frutta e verdura presenti nel mercato italiano. Oltre alle immagini, il volume riporta tabelle informative sulla stagionalità dei prodotti e i loro valori nutrizionali, e le ricette su come utilizzarli. Libro adatto come lettura anche per i bambini dagli 8 anni. 


La storia sei tu
Mille anni in 20 nonni

Illustratore Marco Paschetta, Rizzoli Editore, Collana Narrativa Ragazzi, 2019, 203 pag, illustrate, brossura.
Età di lettura: *dai 10 anni*

Il racconto di Greppi e i suoi venti quadri storici sono accompagnati dalle illustrazioni accurate ed evocative di Marco Paschetta, per un viaggio affascinante nei colori del nostro passato.
Ma come, la Germania prima era divisa? E lo zucchero in Europa un tempo non c’era? Senza orologi, come facevano a darsi appuntamento le persone? E i naviganti a orientarsi, quando nessuno aveva mai fatto il giro del mondo? La storia si studia già dai primi anni di scuola, è vero, ma non è facile collocare nel tempo gli avvenimenti, le invenzioni, i cambiamenti tecnologici. E capire come si intrecciano alla storia dell’uomo, alle sue battaglie, alle sue conquiste, alle sue rivoluzioni. Ecco da dove nasce l’idea dello storico Carlo Greppi – autore già di molti saggi – di procedere a ritroso, di generazione in generazione, attraverso mille anni di storia, da oggi all’XI secolo, raccontando pezzetti di vita di persone comuni sullo sfondo della grande Storia. Andando indietro nel tempo, di nonno in nonno, l’adulto Carlo e la piccola J. giocano insieme al lettore a capire che cosa c’era prima che oggi non c’è, che cosa è rimasto e che cosa resterà solo nei libri. E ci fanno scoprire quanto sorprendentemente lontane sono, nel tempo e nello spazio, le nostre radici. Il racconto di Greppi e i suoi venti quadri storici sono accompagnati dalle illustrazioni accurate ed evocative di Marco Paschetta, per un viaggio affascinante nei colori del nostro passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.