Recensioni di maggio

Luis Sepulveda
La fine della storia

edizioni Guanda 2016, collana “Narratori della Fenice”, pag. 199, € 17,00 

In segno di omaggio al grande scrittore cileno che ci ha lasciato il 16 aprile 2020, dopo essere stato ricoverato a fine febbraio 2020 a Oviedo per aver contratto il coronavirus, vi proponiamo uno dei suoi ultimi libri. Il protagonista è Juan Belmonte, un ex guerrigliero cileno che ha combattuto contro il regime di Pinochet, ma che da anni ha deposto le armi e vive tranquillo in una casa sul mare insieme alla sua compagna, che non si è mai ripresa dalle torture subite dopo il colpo di stato. Stanco e disilluso dalle avversità della vita, convinto della sua scelta di “uscire di scena” nel suo buen ritiro, viene contattato dai servizi segreti russi che hanno bisogno della sua abilità per sventare un piano ordito da un gruppo di nostalgici di stirpe cosacca, che vogliono liberare dal carcere Miguel Krassnoff, ultimo discendente di una famiglia di cosacchi espatriati in Cile dopo la Seconda guerra mondiale ma anche ex ufficiale dell’esercito cileno al servizio di Pinochet, già condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità. Riaffiorano dal passato storie ed eventi che hanno segnato la vita di Belmonte, che ha più di un motivo personale per agire contro Krassnoff: conducendoci in un viaggio della memoria che partendo dalla Russia di Trockij arriva fino al Cile di Pinochet, passando per la Germania di Hitler e infine alla Patagonia di oggi. Così Sepulveda ci accompagna e ci fa attraversare la Storia del Novecento, tanto tragica e densa di eventi drammatici, arrivando alle ultime pagine del libro in cui Belmonte gioca la sua partita finale. In un’intervista rilasciata in occasione della presentazione del libro, così diceva l’autore: “Tre anni fa ho iniziato a scrivere un nuovo romanzo, “La fine della storia”, e visto l’argomento mi serviva un personaggio con un passato simile al mio. Speravo che il potere dell’invenzione mi fornisse un personaggio del genere, ma invano. La trama esigeva Belmonte, e allora l’ho cercato”. Luis Sepulveda, militante di Unità popolare, nel 1977 fu costretto a lasciare il suo paese, il Cile, in seguito al colpo di stato del 1973 che mise fine al governo di Allende. Luis Sepúlveda si trovava in quel momento nel palazzo presidenziale dove morì Allende; venne arrestato e torturato, passò mesi in carcere in condizioni inumane; liberato grazie alle pressioni di Amnesty International, fu in seguito nuovamente incarcerato a causa delle sue posizioni politiche e condannato all’ergastolo, pena successivamente commutata in esilio. Negli anni più recenti si è schierato a difesa dell’ambiente partecipando a diverse missioni di Greenpeace.


Patrik Svensson 
Nel segno dell’anguilla
 
edizioni Guanda 2019, collana “Narratori della Fenice”, pag. 288, euro 18,00 – disponibile a euro 9,99 nei formati: EPUB con DRM  – Cloud: Sì – Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) – Dimensioni: 1,15 MB;  PDF con DRM – Cloud: Sì – Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) – Dimensioni: 1,06 MB 

Dialogo e relazione tra un padre e un figlio attraverso la condivisione della pesca alle anguille, che diventa un modo per conoscersi e rafforzare un rapporto fatto di silenzi, rispetto e complicità. Nelle notti d’estate, nel ritrovarsi al torrente, al chiaro di luna, la caccia alle anguille diventa una sfida con un animale che è di per sé un essere misterioso, sfuggente, e contemporaneamente un racconto di formazione e di scoperta della natura, vista come una maestra e una guida. Per millenni infatti l’anguilla ha affascinato scrittori, scienziati ed esploratori, che si sono interrogati sulle sue origini, alla ricerca del lunghissimo viaggio che queste percorrono. Essere mutevole, dalle sorprendenti metamorfosi -anfibio, serpente di mare, pesce d’acqua salata o dolce, per certi versi affascinante, per qualcuno addirittura inquietante, l’anguilla è stata studiata dai più diversi pensatori: Freud si è dedicato allo studio dei suoi meccanismi riproduttivi; i biologi hanno scandagliato gli oceani per seguire le sue migrazioni nel viaggio di andata dal Mar dei Sargassi ai fiumi d’Europa e d’America, ritorno compreso. Oggi l’anguilla è un animale a rischio di estinzione, dato che il luogo in cui si riproduce nel Mar dei Sargassi è minacciato dal cambiamento climatico. Per l’autore la storia diventa anche un modo per tornare col ricordo al padre, alle loro avventure insieme –anche a pesca di anguille- e alle tante cose rimaste non dette tra loro. Patrik Svensson è nato in Svezia nel 1972; è cresciuto in una piccola città del sud della Svezia, non lontano da quella che viene comunemente chiamata “la costa delle anguille, e vive a Malmo con la famiglia. Il suo è un romanzo di esordio.


Ciro Vestita, Federica Alaura, Irene Gelli 
Guarire con le erbe. Tutto quello che l’industria del farmaco non vuole farvi sapere 


edizione BUR Rizzoli, 2016, collana “Varia”, pag.319, euro 17,00 – disponibile a euro 7,99 in formato EPUB con DRM  – Cloud: Sì  – Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle)

La maggioranza delle persone non conosce o non si cura delle piante e delle erbe spontanee che crescono attorno a noi: dimenticate, umili e misconosciute, hanno invece proprietà curative e molteplici impieghi sia in cucina che nella cura di malattie e malanni. Il manuale, ricco di illustrazioni e indicazioni pratiche, attraverso consigli, curiosità e ricette ci insegna a riconoscere e utilizzare le erbe che ci circondano, mostrandoci con tantissimi esempi perché possono contribuire al nostro benessere con molti meno rischi e maggiore efficacia dei farmaci in commercio. Infatti se utilizzate nel modo giusto sono ottime per curare i disturbi più diffusi, dai problemi di pressione ai dolori di stomaco, dalle irritazioni della pelle al mal di gola; ma anche per prevenire l’insorgere di malattie più gravi come i tumori. Tra le piante più comuni vengono descritte la malva che ha proprietà  antinfiammatorie, il tarassaco ricco di vitamina C e antiossidante, la salvia che è antisettica e diuretica, l’ortica con  le sue proprietà ipoglicemizzanti. Ciro Vestita si è laureato a Pisa presso la facoltà di Medicina nel 1976; nel 1979 si specializzato in Pediatria con una tesi sull’obesità infantile. Dietologo e fitoterapeuta, si occupa di fitoterapia applicata all’obesità e ad altre malattie metaboliche; è docente a contratto di Fitoterapia ed Alimentazione presso la “Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant’Anna” di Pisa, e consulente per diverse testate giornalistiche e per numerose trasmissioni Rai.


Le cose che passano
di Beatrice Alemagna

Terre di Mezzo Editore, collana EditoreTopiPittori, Collana: Albi, 2019, 40 p., illustrato, rilegato, EAN: 9788833700335, € 18

Nella vita, sono molte le cose che passano. Si trasformano, se ne vanno. Il sonno finisce. Una piccola ferita guarisce (quasi) senza lasciare traccia… La musica scivola via, i pensieri neri svaniscono, il cielo schiarisce sempre dopo la pioggia e la paura se ne va. In questa metamorfosi delle piccole cose, qualcosa resterà per sempre. Beatrice Alemagna torna in catalogo con un piccolo libro illustrato, raffinato, ironico, delicatissimo dedicato a tutti i lettori, dagli zero ai duecento anni.

*Età di fruizione consigliata : 0-200 anni*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.