Recensioni di ottobre

Alan Bennet
La sovrana lettrice
Adelphi, collana “Gli Adelphi”, 2011, pag. 95
€ 8,00 (al socio € 6,80) – disponibile in eBook a € 4,99

L’autore immagina che per puro caso la regina d’Inghilterra abbia scoperto quegli strani oggetti che si chiamano libri, attraverso il furgone della biblioteca ambulante di Westminster che ogni mercoledì staziona nel cortile di fronte alle cucine del palazzo reale. In quell’occasione, prendendo a prestito un libro per pura cortesia, non riesce più a smettere di leggere i libri che via via cerca e prende in prestito dal furgone del mercoledì e quindi da diverse biblioteche londinesi – non però nelle biblioteche di casa reale, obsoleti musei dove libri antichi, rari e preziosi sono conservati dietro grate chiuse a chiave. Guardata con sospetto da chi la circonda -i collaboratori più stretti e il marito- cerca di trasmettere la passione per la lettura a tutti quelli che incontra, provocando ripercussioni sul suo entourage che arrivano a coinvolgere anche la sicurezza, in un clima crescente misto di sospetto e di incredulità. Col suo stile consueto -tagliente, ironico e comico- Bennet attraverso la storia raccontata ci spinge a irrefrenabili risate, fino ad arrivare al colpo di scena finale in un crescendo di situazioni paradossali.

Alan Bennet, che esordisce nel 1960 come attore e coautore di un fortunatissimo spettacolo leggero, “Beyond the Fringe”, è autore di commedie, sceneggiature, monologhi di grandissimo successo, e di numerosi testi narrativi.

 

Ann Wigmore
Erba di grano.
Tutto quello che devi sapere su: come coltivarla – le ricette – i benefici per la salute – le proprietà ringiovanenti

Macro Edizioni, 2015, collana “I Macro tascabili del benessere”, pag. 160
€ 5,90 (al socio € 5,00)

Ann Wingmore, la pioniera di tutto il movimento vegan crudista, ha riscoperto e divulgato le proprietà nutritive dell’erba di grano, che già gli antichi utilizzavano. Quest’opera è una vera e propria guida che spiega come coltivare, raccogliere e consumare l’erba di grano assimilandone i principi nutritivi. Il libro parla inoltre dei suoi componenti nutritivi (minerali, vitamine, amminoacidi ecc.), dell’uso dell’erba di grano contro il cancro e altre intossicazioni della vita moderna, delle ricette per il suo utilizzo e del digiuno a base di erba di grano. Ma cos’è l’erba di grano? Con questo termine si intendono il grano (o frumento), l’orzo e il farro germogliati di 10-15 giorni, utilizzati fin dall’antichità per contribuire al mantenimento di un buon stato di salute. Essi hanno un elevato contenuto di sostanze indispensabili per il corretto funzionamento del corpo umano: vitamine A, beta-carotene, B1, B2, B6, PP, C, E; minerali come calcio, ferro, fosforo, magnesio, potassio, zinco; acido folico e pantotenico, bioflavonoidi, clorofilla, antiossidanti, amminoacidi essenziali ed enzimi attivi. Per questi motivi l’erba di grano è uno dei vegetali più completi nella sua offerta nutrizionale, superiore anche alle verdure a foglia verde. Infatti combatte i radicali liberi e contribuisce al rinnovamento cellulare, conferisce maggior resistenza alla fatica, sia fisica sia mentale, aumenta le difese immunitarie, colma le carenze nutrizionali; inoltre abbassa l’FSH e regolarizza il ciclo mestruale delle donne: ciò porta anche a un’aumentata fertilità. Viene usata anche nelle diete per ridurre l’appetito, se assunta 40 minuti prima del pranzo. Le maggiori proprietà sono riconducibili al suo elevato contenuto di clorofilla, che ha proprietà disintossicanti (ripulisce il corpo da tossine, sostanze inquinanti e prodotti chimici); alcalinizzanti, antibatteriche ed immunostimolanti, disintossicanti (aiuta a depurare il fegato) e inoltre regola la digestione. L’erba di grano può essere assunta sia secca come integratore alimentare, sia fresca sotto forma di succo. In generale se ne consiglia l’assunzione sotto forma di succo in quanto è più potente ed energizzante. Ricordiamo che 30 ml al giorno di succo d’erba equivalgono a 1 kg di verdure verdi biologiche. Il succo è molto dolce, ed è preferibile assumerlo a stomaco vuoto, sorseggiandolo lentamente. Essendo un prodotto naturale si ossida rapidamente. L’erba di grano, così come i germogli di grano, non è indicata a chi è intollerante al frumento, mentre può essere tranquillamente assunta dai celiaci perchè il glutine, durante la germinazione, viene scisso dagli enzimi nei singoli amminoacidi.

Ann Wigmore è una figura di spicco nel mondo dei crudisti e dei vegani, cultori di succhi e germogli. È stata la fondatrice dell’Hippocrates Health Institute, uno dei centri di medicina alternativa più famosi al mondo. Conosciuta come la madre degli alimenti viventi, è stata un pioniere del succo fresco di erba di grano, utilizzato per la prima volta da lei per disintossicare e guarire il corpo, mente e spirito.

Ann Wigmore diceva: “Il cibo che mangi può essere o la più sana e potente forma di medicina o la più lenta forma di veleno”.

È autrice di articoli e libri sull’alimentazione, in particolare sulla dieta crudista; esperta di raw food, ha diffuso in tutto il mondo le sue teorie sui benefici dei germogli e l’erba di grano.

L’erba di grano è disponibile in CFL nella confezione in polvere senza glutine, biologica, da 125 grammi

 

Jaqueline Kelly
Il mondo curioso di Calpurnia
Salani, 2015, pag. 270
€ 14,90 (al socio € 12,67)

Texas, capodanno del 1900. Calpurnia Tate, unica femmina di una famiglia con sei fratelli, è sicura che il nuovo secolo porterà un grande cambiamento nella sua vita e che il suo tredicesimo anno di vita sarà bellissimo. Finalmente la mamma si convincerà che lei non è fatta per suonare il pianoforte e imparare a cucire, ma per studiare la natura meravigliosa che la circonda, con l’aiuto del nonno e della sua sterminata e fantastica biblioteca. Certo, non è facile per una ragazza della sua epoca sfuggire a certi stereotipi, anche se Calpurnia ci prova con tutte le forze, armata del suo Taccuino Scientifico e di una insaziabile curiosità verso il mondo intorno a lei, pieno di meraviglie, abitato da armadilli in crisi, ghiandaie ferite, procioni in fuga, cavallette, lombrichi…, in un’avventura alla scoperta della natura e di se stessa, e alla ricerca del proprio posto nel mondo, con ironia e dolcezza

Lettura indicata dagli 11 ai 14 anni

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *