Prodotti caseari senza latte: no del Governo italiano

anche-la-provincia-dice-noal-formaggio-senza-latte_476720b8-56db-11e5-b9d1-f5b82f0b0256_700_455_big_story_linked_ima Il Governo ribadisce il suo “no” all’aut aut stabilito dalla Commissione Europea relativo alla produzione di prodotti caseari senza latte fresco Rispettato il patto “salva formaggio italiano”, che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e il Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina hanno sottoscritto alla presenza di 30.000 agricoltori della Coldiretti nella cornice di Expo 2015. Le condizioni dell’accordo, infatti, sono state rispettate e così il Governo italiano ha ribadito il “no” perentorio alla produzione di prodotti caseari senza latte fresco, alla scadenza dell’ultimatum imposto dalla Commissione Europea. Il 29 settembre scadeva l’ultimatum fissato dalla Commissione Europea sulla richiesta all’Italia di porre fine al divieto di detenzione e utilizzo di latte in polvere, latte concentrato e latte ricostituito per la fabbricazione di prodotti lattiero–caseari previsto storicamente dalla legge nazionale. La lettera di “diffida” della Commissione Europea sull’infrazione n. 4170 voleva imporre all’Italia di produrre “formaggi senza latte” ottenuti con la polvere con il rischio di far sparire 487 formaggi tradizionali censiti dalle Regioni italiane ottenuti secondo metodi mantenuti inalterati nel tempo da generazioni. La decisione presa dal Governo garantisce la salvaguardia del patrimonio gastronomico italiano, assolutamente degno di essere preservato da ogni forma di alterazione, principio questo sostenuto dalla stessa Coldiretti, rappresentata dal Presidente Roberto Moncalvo, e dalla popolazione italiana chiamata ad esprimersi mediante petizione.

Fonte: “Clarus”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.