Il panino da casa non è la risposta alla carenza del sistema mensa!

La Cassazione ha deciso: niente più pasto da casa da consumare nelle mense scolastiche. È finita la lunga battaglia iniziata nel 2014 e promossa da un comitato di genitori di Torino.

«Non possiamo che ritenerci soddisfatti per questa sentenza, per primi e a gran voce abbiamo chiesto cibo buono, pulito e giusto per tutti e il pasto da casa non poteva certo risolvere le carenze del sistema mensa. Perché dietro queste apparenti libertà si possono nascondere le differenze tra chi può permettersi un pasto equilibrato e di buona qualità e chi invece per povertà culturale o materiale è costretta al panino o peggio al junk food.» commenta Francesca Rocchi, referente per i progetti mensa di Slow Food Italia.

Dalla prima sentenza del 2016 il dibattito sul tema è cresciuto, puntando i riflettori sulle tariffe troppo alte, la non adeguata qualità dell’offerta, i grandi sprechi di cibo e l’insoddisfazione da parte dei bambini. E per fortuna il dibattito ha toccato pure l’aspetto pedagogico, giuridico e relazionale del fenomeno.

Slow Food pensa alle mense come luoghi in cui applicare il diritto alla convivialità e al piacere del cibo e come luogo dalla forte valenza educativa, perché come scrive Carla Barzanò: «Il menù di casa aiuta a ripetere, circoscrivere, personalizzare per rafforzare l’identità e costruire abitudini che partono dall’emotività e dalla consuetudine. Quello della scuola ha invece la vocazione di costruire nuove esperienze, nuove connessioni, di integrare gli aspetti emotivi con quelli cognitivi.»

A cura di Michela Marchi

estratto da un articolo pubblicato su slowfood.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.