SAN MARTINO NELLA TRADIZIONE CONTADINA

Una data importante per la vita contadina era l’11 novembre, San Martino. In quella data per tradizione scadono, ancora oggi, i contratti agrari, e scadevano anche i contratti dei salariati, la manodopera necessaria in gran numero quando i macchinari agricoli ancora non esistevano o non erano così diffusi. 

I salariati e le loro famiglie abitavano in grandi cascine, dotate di aree comuni, alloggi per le famiglie e talvolta di una propria chiesetta. A San Martino, nelle campagne, i salariati potevano essere riconfermati, nel qual caso rimanevano nella cascina dove avevano trascorso l’anno, oppure no, e questo capitava quando il fattore, colui che per conto della proprietà gestiva l’azienda agricola, non era soddisfatto del loro operato. 

Se non veniva rinnovato il loro contratto, a San Martino dovevano andarsene, con la famiglia e le masserizie caricate su un carretto; è il motivo per cui in milanese “fare San Martino” è sinonimo di traslocare. Era una giornata in cui si mescolavano sentimenti e stati d’animo contrapposti: chi rimaneva era sollevato e contento, chi partiva era triste, perché lasciava una rete di affetti e luoghi conosciuti, con l’incertezza del futuro; poi c’erano le famiglie nuove che arrivavano, con il loro carico di aspettative e di speranze. 

Molte delle grandi cascine ancora presenti nel trevigliese sono databili alla seconda metà del Settecento: il lavoro manuale per la coltivazione dei campi è diventato nel tempo sempre meno necessario, facendo scomparire e spopolare queste realtà; gli ultimi salariati sono andati via dalle cascine negli anni Sessanta del secolo scorso. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.