Clima, un disastro annunciato

Per chi — come il sottoscritto — ha meno di 35 anni, i racconti sull’ondata di maltempo del 1966 sentiti da genitori e nonni hanno sempre avuto un taglio talmente apocalittico da renderli quasi difficili da credere se non fossero stati supportati dalle immagini di quella devastazione. Oggi, a 52 anni di distanza da quell’episodio, abbiamo vissuto un’emergenza di proporzioni simili, spalmata su tutto il territorio nazionale martoriato da vento e pioggia di estrema intensità. E così anche la mia generazione avrà il suo 1966 da raccontare. Fermo restando che accostare calamità naturali in epoche diverse è un esercizio di poca utilità, in questo caso può però essere significativo fare una riflessione rispetto a che cosa è cambiato o non è cambiato da allora a oggi.

Quello che certamente è cambiato e sta cambiando è il clima, che in Italia non fa altro che mostrare i sintomi di un processo globale pericolosissimo proprio perché non sappiamo prevedere fino in fondo a che cosa potrà portare.

Il riscaldamento globale (insieme alle piogge torrenziali di inizio novembre si sono registrate temperature sopra i 15 gradi in molte zone del Paese) sta intensificando i fenomeni atmosferici estremi, alternando sempre più sovente periodi di siccità a forti precipitazioni, introducendo anche inedite forme di tempeste molto simili a quelle tropicali. Le temperature dei mari sono più alte e questo genera ondate di rovesci inedite per intensità e durata.

C’è anche qualcosa che in questi 50 anni non è affatto cambiato: l’inarrestabile consumo di suolo naturale, che viene di anno in anno impermeabilizzato con la costruzione di nuovi edifici e infrastrutture. Un processo che negli ultimi anni aveva subito un rallentamento e che invece l’ultimo rapporto ISPRA di pochi mesi fa rilevava nuovamente in accelerazione. Una cementificazione che non risparmia parchi nazionali e aree protette e che diminuisce la resilienza idrogeologica dei nostri territori rendendoli più vulnerabili proprio agli eventi atmosferici estremi che continueremo a veder aumentare. Uno scandalo tutto italiano (siamo i peggiori d’Europa) che mette seriamente a repentaglio il nostro futuro. Se è innegabile che una relazione tra i due fenomeni ci sia, e allora è davvero giunto il momento che la politica nazionale prenda le dovute contromisure. È ora di varare una legge che fermi il consumo di suolo e che promuova la tutela del paesaggio. Prendendo in prestito una battuta fatta in questi giorni da Christian Raimo, «meglio persino essere un ambientalista di città o da salotto (che non si sa che vuol dire) che un cementificatore di campagna».
Al cambiamento climatico e allo stretto legame tra produzione alimentare e riscaldamento globale Slow Food dedica una campagna internazionale. Con Food For Change, in tutto il mondo cerchiamo di tenere alta l’attenzione e di proporre e sostenere gli esempi e le realtà che lavorano nel rispetto di clima e ambiente ma che per prime subiscono gli effetti del clima che cambia.

Rinaldo Rava

Da “il manifesto”, 8 novembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.