COSTUMI DI CARNEVALE FAI-DA-TE: I PIÙ ORIGINALI!

I costumi migliori per carnevale? Quelli fatti con le proprie mani! Al di là del lato economico ed ecologico, il fai–da–te è utile per stimolare la fantasia di chi crea! 

Tra l’altro è molto divertente creare i vestiti in compagnia o con i propri figli. Non vi è alcun bisogno di ricorrere a costosi negozi per comprare i vestiti per travestirsi. 

Tra i materiali più utili da poter riciclare ci sono: vecchi capi di abbigliamento, bottiglie di plastica, piatti di carta… 

Avete pensato che quei vecchi tessuti, bottiglie di plastica, cartoni del latte e sacchetti per la spazzatura siano solo roba vecchia da gettar via? Sbagliato, perché sono proprio il punto di partenza per decorare il vostro costume riciclato! Carta, lana, cotone, filo, paillettes… Ci sono opzioni eco–friendly per tutta la famiglia. 

Vediamo alcuni esempi di come trasformare gli oggetti in bellissimi costumi! 

MUMMIA 

Cosa occorre? 

strisce di vecchie stoffe (o carta igienica ecologica) 

una vecchia T–shirt bianca 

ago e filo 

Indossate la T–shirt sopra i vestiti e avvolgete con le strisce quasi tutto il corpo. Continuate fino a quando anche i pantaloni sono coperti dalle strisce di stoffa. Ora ripetere questa operazione da capo più volte. 

Fissate ogni tanto, con qualche punto di cucitura le strisce di stoffa agli indumenti. 

L’ultimo passo, è quello di avvolgere il viso, fate molta attenzione a lasciare abbondanti aperture per gli occhi, il naso e la bocca. Se non avete un lenzuolo o la garza, potete usare la carta igienica (meglio se ecologica) come sostituto. Si può aggiungere un po’ di trucco al viso per dare un aspetto più cianotico, scurendo il bordo degli occhi e schiarendo le labbra. 

IL TRADIZIONALE FANTASMA 

Basta avere un vecchio lenzuolo bianco e fare due buchi per gli occhi. Si può finire il costume con una palla di carta nera legata con una corda o una catena. 

MASCHERE DI CARTA O FELTRO! 

Con la carta e il cartone si possono realizzare moltissime maschere. Basta scatenare la fantasia ed un vecchio contenitore di cartone si può trasformare in un gatto o un cane o qualsiasi animale. 

TRAVESTITEVI DA… CESPUGLIO! 

Vestirsi come un albero o un cespuglio è più facile di quanto si pensi. Se si dispone di un giardino, balcone o piante in vaso, occorre semplicemente raccogliere le foglie e i residui vegetali. Una volta indossato un abito verde o marrone, basta applicarvi le foglie, i rami e i fiori e avremo uno splendido eco–vestito. Per un tocco speciale, si può cucire uno scoiattolo (di peluche) al braccio o attaccare un nido d’uccello sulla testa, contenente uova finta di cartone o di lana. 

MASCHERE E COSTUMI CREATIVI 

Spesso bimbe e bimbi si entusiasmano all’idea di poter vestire i panni dei propri personaggi preferiti: anche questa può essere un’opportunità educativa. Non c’è bisogno di comprare costosi costumi, spesso di cattivo gusto, per emulare personaggi di cartoni animati o videogiochi. 

La cosa già bella sarà invece spendere del tempo di qualità con i nostri bimbi e bimbe: scegliere e cercare di costruire insieme il costume più bello e originale, usando quello che si ha. 

Scopriremo che questi momenti passati insieme per creare il costume varranno infinitamente di più del prezzo di un costume già fatto. 

Quindi via libera al riciclo creativo e a costumi da strega fatti con la gonna in tulle della mamma o la gonna di danza, dinosauro fatti con una T–shirt verde XL del papà, robot utilizzando scatolone e carta argento per alimenti… 

L’artista spagnola di nome Neusa Lopez che gestisce la pagina Facebook Mini Taller d’Art ha creato delle maschere di carnevale originali e fantasiose, quelle che vedete proprio qui a lato nell’immagine. Bellissime e ecologiche! 

A cura di Martina Mangili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.