Lampone, i segreti per coltivarlo

Arbusto vigoroso e tozzo, può raggiungere anche 1,50 metri di altezza.
Nel mese di giugno inizia a fruttificare il lampone, il frutto che piace tanto ai bambini. È un arbusto che emette polloni molto rustici: vigoroso e tozzo, può raggiungere anche 1,50 metri di altezza. Gli steli leggermente spinosi si chiamano canne. I fiori riuniti in pannocchie terminali sono verdastri e autofertili. I frutti sono solitamente di un rosso più o meno scuro. Pianta poco esigente, il lampone si adatta a qualunque tipo di terreno, con una preferenza per quelli leggeri e ricchi di humus, e sopporta un’ombra leggera.


Tra le tante varietà, nei frutteti familiari sono consigliate quelle rifiorenti, che danno maturazioni scalari. Oltre a quelle a frutto rosso, esistono anche varietà a frutto giallo o nero, meno diffuse.


L’ambiente ideale per la crescita del lampone coltivato è rappresentato dagli appezzamenti collinari e montani ben soleggiati e ariosi, con abbondanti precipitazioni ben distribuite nell’arco dell’anno o con buone risorse idriche per l’irrigazione di soccorso, se la stagione estiva si presenta siccitosa.


I terreni più adatti sono profondi e permeabili, ma soprattutto ricchi di sostanza organica. Sono sconsigliabili i terreni compatti dove la coltura soffre molto per ristagni idrici e quelli calcarei dove soffre facilmente di clorosi per il difficile assorbimento del ferro indispensabile alla fotosintesi clorofilliana.


Il lampone può produrre bene già dal secondo anno d’impianto, purché la concimazione organica sia abbondante e di buona qualità. È un arbusto che necessita di elevati interventi irrigui: se la stagione primaverile–estiva è siccitosa e i terreni molto sciolti e permeabili si dovrà ricorrere ad abbondanti innaffiature settimanali, evitando i ristagni.


Il lampone matura durante tutto il periodo estivo ed è importante raccogliere quotidianamente, o a giorni alterni, i frutti per evitare che cadano o favoriscano gli attacchi di muffa grigia.

A cura di Franco Sonzogni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.