UE: GUERRA SULLA TASSONOMIA VERDE

La ong contro il voto dell’Europarlamento per l’inclusione di gas e nucleare nell’elenco degli investimenti ritenuti sostenibili dall’Ue. “Una grave minaccia per l’ambiente”

NEL MEZZO DEL CAMMIN… 

Nucleare e gas sono davvero fonti “verdi”? O meglio: sono utili per una transizione energetica verde in Europa? Secondo le commissioni Ambiente ed Economia del Parlamento europeo, che hanno votato il 14 giugno scorso, no. Un parere che, se confermato dall’intero Parlamento l’11 luglio, sarebbe in contrasto con quanto stabilito a inizio febbraio dalla Commissione europea, che aveva invece incluso gas e nucleare fra gli investimenti sostenibili fino al 2030. 

La tassonomia era stata concepita per fornire delle linee guida chiare per classificare gli investimenti green, evitando che una selva di regole permetta agli investitori di classificare qualsiasi cosa come “verde”. Ma è proprio in questa selva che le istituzioni comunitarie sembrano essersi smarrite. 

GREENWASHING (IN)SOSTENIBILE 

Già a febbraio, la decisione della Commissione era stata ampiamente criticata. C’era infatti chi la considerava un compromesso per accontentare alcuni grandi Paesi europei: la Francia sul nucleare, Germania e Italia sul gas naturale. Un’operazione talmente palese che persino l’Austria, tradizionale alleato tedesco, aveva minacciato di far causa alla Corte di giustizia. 

L’assenza di un’etichetta di sostenibilità non significa che queste fonti siano rapidamente destinate a scomparire. Si tratterebbe piuttosto di un disincentivo a investimenti futuri: studi recenti stimano che banche e fondi UE investano ormai l’80% dei loro capitali in settori green, e che questa quota sia destinata a salire al 95% entro il 2030. L’esclusione di gas e nucleare dagli investimenti green scalda dunque gli animi di chi vi punta molto in questa fase della transizione. 

EFFETTO RUSSIA? 

Ecco perché, a quasi due anni dalla sua prima versione ufficiale, la tassonomia Ue non ha ancora messo d’accordo gli Stati membri. Eppure la questione diventa sempre più rilevante, anche alla luce degli avvenimenti in Ucraina e della volontà europea di limitare la propria dipendenza dai combustibili fossili russi. 

Secondo Greenpeace, i nuovi investimenti sul gas generati dalla sua inclusione in tassonomia porterebbero nelle casse del Cremlino fino a 4 miliardi extra all’anno fino al 2030. Mentre Rosatom, azienda russa attiva nel settore dell’energia nucleare, potrebbe assicurarsi una quota di circa 500 miliardi di euro di potenziali investimenti in nuove capacità nucleari dell’Ue. 

Basterà la guerra a far cambiare idea all’Europa? 

Intanto Greenpeace annuncia un’azione legale contro la commissione Europea in seguito all’inclusione del gas e del nucleare nella tassonomia, cioè nell’elenco degli investimenti ritenuti sostenibili dall’Ue. Il Parlamento europeo “non ha raccolto abbastanza voti per bloccare il controverso Piano della Commissione. Solo 278 eurodeputati hanno votato contro l’etichetta sostenibile per il gas e il nucleare, non raggiungendo i 353 voti necessari per bloccare la proposta”. Si tratta – spiega Greenpeace – di una “grave minaccia per l’ambiente”.

fonte: https://www.ispionline.it/ e www.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.